” Il dolore è un fiume in piena. Non devi rinforzare le pareti, ma far sì che l’acqua esca” mi disse una volta un amico, anzi per me molto di più.

Dolore,  quale dolore vi chiederete … Vi prego, non chiedetemelo, perché voglio dimenticare e far affiorare soltanto i momenti più belli,  i migliori.

A volte,  però,  pesanti nuvole grigie si accumulano nella mia anima e sono davvero difficili da allontanare. Come faccio a tenerle lontane, almeno per un po’? Scrivo.

Buffa questa parola “scrivere”. Ricordo perfettamente come andò il mio primo tema a scuola: avevo quasi il panico del foglio bianco (quale scrittore non lo teme), e … non scrissi nulla. “Non avevo niente da dire!” dissi tranquillamente a chi mi chiese spiegazioni.