Una libertà a metà

Il Carnevale anche quest’anno è finito da un pezzo. Non so voi, ma io non ne posso più di vedere gente mascherata!

“Ingressi contingentati”, “Obbligo di entrare con la mascherina” sono i moniti che recitano i cartelli apposti davanti ai vari esercizi commerciali, come quasi a dire “Lasciate ogni libertà, voi che entrate!”.

Certo bisogna rispettare le regole del padrone di casa, in questo caso dell’esercizio commerciale a cui si accede, ma non trovi che sia quasi un invito a non entrare?  A chi piace fare shopping mascherato?

Magari fai parte di quelli che sono contenti di avere delle linee guida da seguire, perché si sentono spaventati, ma allo stesso tempo tutelati da questi dispositivi di protezione, se di tali si può parlare, poiché la loro utilità è stata stradiscussa dai virologi.

Oppure fai parte di quelli che, come me, non vogliono indossare la mascherina e che detestano questo rimedio medioevale, questo bavaglio.

Se si può andare liberamente seduti al bar o al ristorante e nuotare in piscina, perché i camerieri ed i baristi la devono obbligatoriamente indossare, come se fossero degli schiavi? Non trovi che ci sia qualcosa che stride?

Certo, le norme si rispettano, ma ritengo che sia lecito il dubbio e la discussione.

Spero di non essere sola.

Se anche tu vuoi dire basta a questa libertà a metà, firma la mia petizione.


Hai trovato interessante questo blog e i suoi contenuti? Se la risposta è sì, allora perché non fai una donazione? Questo sito è frutto della passione e delle competenze di Miss Dreamer e si supporta con qualche pubblicità di Google.

Perché non prendi in considerazione l’idea di fare una donazione, anche un caffè va bene, e te ne sarò grata per sempre, per aver creduto in me.

Per effettuare la donazione, clicca sul pulsante qui sotto. 





Precedente Coronavirus: diciamo basta alle mascherine! Successivo COVID-19: Una realtà surreale

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.